16 marzo 2020


Gattuso, ai microfoni di Sky, ha cosi commentato la sua prima parte di carriera da allenatore.

GLI INIZI - "Voglio scrivere altre pagine importanti in questo nuovo mestiere. Voglio vincere qualcosa di importante, ma di là dei trofei, mi interessa avere uno stile, coerenza, credibilità, farsi seguire dai propri giocatori".

ESSERE ALLENATORE - "Il calcio è cambiato tantissimo negli ultimi anni. 10 anni fa vedevamo 30 minuti di spezzoni, non c'era match analysis, oggi ci sono telecamere fisse, c'è un grande fratello, si analizzano anche gli allenamenti e non solo gli avversari. Abbiamo tanti strumenti in più per valutare la forma, è cambiato molto. Ci sono molte più informazioni, negli staff ci sono 15 persone. Oggi ci sono rose di 25 giocatori, lo staff ed altri 15 fisioterapisti ed altri da gestire, hai la comunicazione che lavora con te con altre persone. L'allenatore deve dare una linea guida a 70-80 persone, non è facile e la bravura è nel farsi capire subito. La squadra non è solo quella che scende in campo, ma tutti quelli che stanno a contatto con la squadra".
SU ANCELOTTI - "Carlo è sempre stato un punto di riferimento, sia quando ero giocatore che da allenatore. C'è grande rispetto. E' successo un qualcosa di strano (col riferimento alla sostituzione, ndr), ma c'è rispetto, mi ha lasciato una grande squadra, tuttora ci sentiamo. Nel calcio paga l'allenatore quando i risultati non arrivano, ma l'amicizia non è cambiata assolutamente. Non si può seguire, si fanno solo danni se si vuole imitare uno come lui. Per come gestisce gli spogliatoi, per come ha gestito noi, me, come continua ancora a farlo, lui ha dentro questa dote, essere credibile ed entrare nella testa dei giocatori da 20 anni. Eravamo padre-figlio ad un certo punto, non giocatore-allenatore e se ho fatto quello che ho fatto tanti meriti sono suoi".