1 ottobre 2019


Queste le parole di Ancelotti e Koulibaly in conferenza stampa alla vigilia di Genk-Napoli:

Kalidou, è una partita diversa per te? "No, è una partita importante, come quelle di Champions. Vogliamo vincere, sappiamo che sarà difficile, loro vogliono riscattarsi, ma saremo concentrati al 200% per vincere. Sarà una gara tosta".
Mister, cosa deve fare il Napoli per farti passare quel filo di arrabbiatura? "No, deve fare quello che sa fare, giocare al massimo fisicamente, tecnicamente e mentalmente. Il mio stato d'animo non è molto leggibile per voi, i giocatori lo conoscono meglio. Non sono arrabbiato come è stato scritto, potete parlare con i giocatori".
Kalidou ancora sul ritorno a Genk: "Sono contento di essere tornato qui, ho giocato qui due anni, ho parlato con ex compagni e lo staff, ma siamo qui per vincere e sono concentrato per questo".
Mister, Mertens è ad un gol dal record di gol di Diego. "Per Dries sarebbe una grande conquista, sono contento per lui, è in forma, segna, lo attende un traguardo importante per la storia del Napoli".
Mister, ti aspetti di più individualmente da alcuni giocatori non ai livelli dell'anno scorso? "Ho una grande considerazione di questa squadra, le volte in cui sono pienamente soddisfatto sono poche perché conosco il loro valore e cosa possono fare. Si cerca sempre il massimo, lavoriamo bene ma la squadra può fare molto meglio, ma questo non significa che non sono soddisfatto della gara col Brescia. Si è parlato tanto del finale, bisogna essere critici, ma non troppo. Io guardo 1000 partite, non vedo tutto questo calcio champagne in tutte le partite, tutte soffrono. Se non pensiamo che domani ci sarà da soffrire, andiamo verso brutte cose, lo stadio li spingerà, loro vorranno riscattarsi. Il calcio è sofferenza, la squadra mi è piaciuta di più quando c'era da soffrire, quando siamo nell'area nostra forse sono più tranquilo, è paradossale ma quando siamo nel fortino mi sento più tranquillo".
Kalidou, tu sai che puoi dare molto di più rispetto a questo inizio. Quando tornerai con continuità quello che tutti conosciamo? "Non ci sono scuse da trovare, devo fare meglio, lo so, lo sappiamo tutti. Dobbiamo prendere meno gol, ma sono molto fiducioso perchè lo staff mi aiuta, posso fare di più e tutti mi danno una mano. Con me ci sta essere più critici perchè posso fare di più, ma sono tranquillo, dopo la sosta ritroveremo il Kouly che a tutti piace".
Mister, il Napoli è favorito ma cosa teme domani? Chance per Milik? "Il Genk gioca bene in attacco, ha un'identità chiara, farà un calcio propositivo, ha provato a farlo anche col Salisburgo soffrendo le ripartenze. Milik è un giocatore che ha dovuto risolvere un problema fisico, ora sta bene, non ha bisogno di slanci, se giocherà darà il suo contributo come altri".
Kalidou, hai giocato contro Samatta, è il giocatore più forte del Genk? "Sì, è un giocatore forte, pericoloso, ma in nazionale è diverso. Sono concentrato e siamo sicuri che faremo bene domani".
Mister, abbiamo letto di una strigliata alla squadra. Perchè? "Strigliata non mi piace come termine, si strigliano gli asini. Noi abbiamo fatto una valutazione normale delle cose andate bene e quelle andate male. Bene la qualità del gioco, l'impegno, quelle non andate bene c'è stato l'atteggiamento remissivo del secondo tempo, ma valutazioni che facciamo sempre, poi se a voce più o meno alta sono dettagli. Strigliata è eccessivo".





Fonte: Tuttonapoli