10 settembre 2019


Sei vittorie di fila nel turno eliminatorio, come mai nella sua storia. L'Italia non si ferma più e batte anche la Finlandia. 2-1 il risultato finale, i gol di Immobile e Jorginho quelli che hanno deciso la partita. In questo momento gli azzurri si trovano a 18 punti, punteggio pieno, e a sei lunghezze di vantaggio proprio dalla Finlandia seconda. Basterà vincere con la Grecia nella gara in programma il prossimo 12 ottobre (oltre a sperare in un passo falso dell'Armenia) per poter festeggiare con largo anticipo la qualificazione a Euro2020: "Sì, potrebbe essere la partita decisiva - ha commentato un Roberto Mancini decisamente soddisfatto nel post gara - la speranza è che a Roma lo stadio Olimpico sia pieno di tifosi come accadeva durante il Mondiale di Italia '90, quando eravamo tutti un po' più giovani", sorride. A Tampere sono arrivati segnali davvero positivi, perché gli azzurri hanno giocato bene creando tanto fin da subito: "Dobbiamo cercare di migliorare, ma dominare fuori casa è bello - ha proseguito il Ct - la nostra natura ci impone di creare sempre. Inoltre abbiamo concesso poco, eccezione fatta per il rigore nato da una palla semplicissima. A quel punto è ovvio che gli avversari prendano coraggio, ci siamo creati sofferenza da soli. I ragazzi però sono stati bravi a riprendere in mano la partita". 

Un ultimo passo

L'Italia adesso vede il traguardo vicinissimo. Euro 2020 è lì, ad un passo. Basterà vincere con la Grecia e "gufare" l'Armenia per festeggiare. La Finlandia infatti, una volta perso il big match, si trova distante sei lunghezze. La prossima partita sarà sul campo della Bosnia. Il vantaggio degli azzurri sull'Armenia terza, invece, è pari  a nove punti. Settimo successo consecutivo per l'Italia, che ha iniziato questa striscia record con l'1-0 in amichevole agli Stati Uniti nel novembre del 2018.





Fonte: Sky