11 luglio 2019


Un successo di squadra. Le nazionali italiane degli sport a squadre hanno sinora prodotto spettacolo e risultati a Napoli 2019. Solo il basket maschile non partecipa alla festa medaglie. Davanti a tutti, prima della classe, c’è la nazionale di pallavolo femminile che domani alle 20 al PalaSele di Eboli contro la Russia si gioca in banda un posto nella storia dell’Universiade. “Spero in un PalaSele pieno, con tanta gente a darci la carica, come solo il pubblico del Sud sa fare - rivela il commissario tecnico dell’Italia, Marco Paglialunga - la Russia è forte, imponente a muro, abbiamo bisogno delle nostre certezze tecniche e di un ambiente caldo”. Oltre al volley rosa, stanno scrivendo una pagina di storia all’Universiade anche il Settebello e il Setterosa, entrambe in semifinale. La nazionale maschile ieri ha travolto la Francia. Dopodomani alle 12 alla Piscina Scandone sarà la Russia a mettersi di traverso agli azzurri sulla strada per l’oro: la vincente incrocerà Stati Uniti o Ungheria.

“I russi non si sono qualificati per i prossimi Mondiali, quindi sono qui con la squadra migliore e il commissario tecnico della nazionale A. Ma non li temiamo, anzi, siamo pronti a giocarci le nostre chances, non dobbiamo dimostrare più nulla a nessuno”, spiega il commissario tecnico azzurro, Alberto Angelini. E prima del Settebello, tocca al Setterosa domani alle 18 alla Piscina Scandone giocare per l’oro contro il Canada. “Siamo consapevoli che è un passaggio unico in carriera, molte ragazze non hanno mai giocato in un impianto pieno e con tanta storia come la Scandone, sappiamo che il Canada è alla nostra portata, dipende solo da noi” confessa Martina Miceli, commissario tecnico delle azzurre. Ma non è finita qui. Questa sera la nazionale di calcio maschile diretta dall’ex allenatore di Cagliari e Bologna, Daniele Arrigoni, si gioca allo Stadio Arechi, alle ore 21, un posto per la zona medaglie contro il Giappone. La sfida con i nipponici arriva dopo un tris di successi, Messico, Ucraina e Francia messe in fila. E dall’erba ancora al parquet. È vicina ai metalli pregiati anche l’Italvolley maschile, impegnato oggi in semifinale con il Portogallo alle 20 al PalaSele di Eboli. Gli azzurri sono partiti al rallentatore con l’Argentina proprio a Eboli, rimontando poi i sudamericani e superando senza ostacoli Giappone e Messico.



Area degli allegati