9 gennaio 2019


Volantini antisemiti sono stati affissi sui muri quartieri della Baldunina e Prati. "Lazio, Napoli, Israele, stessi colori. Stesse bandiere. M....", la scritta sui volantini firmati da presunti ultrà romanisti. E' accaduto martedì sera in concomitanza con il 119esimo anniversario dalla nascita della Società Sportiva Lazio, una serata contraddistinta anche da scontri tra forze dell’ordine e ultrà laziali.

Dopo il caso Koulibaly e gli scontri di Milano

L’episodio s'inserisce nelle giornate in cui il dibattito del razzismo nelle tifoserie di calcio è tornato prepotentemente alla ribalta dopo i cori di San Siro contro Kalidou Koulibaly, difensore del Napoli. Quella giornata è stata anche caratterizzata da scontri fuori dallo stadio che hanno portato alla morte di Daniele Belardinelli

Nel 2017, gli adesivi della vergogna

I fatti della Balduina, inoltre, riportano alla mente gli adesivi antisemiti apparsi nell’ottobre 2017 nella Curva Sud romanista: in quel caso furono stati gli ultras della Lazio ad appiccicare immagini di Anna Frank con la maglia della Roma.

Il presidente FIGC

"Su stop gare per razzismo, le parole di Giorgetti in linea con la FIGC". Così il presidente federale, Gabriele Gravina, al termine del Consiglio informale del CONI: "Le parole del sottosegretario Giorgetti non mi sembrano molto diverse da quello che ho detto l'altro giorno all'incontro con Salvini. In linea con le norme federali. 

Fonte: Sky Sport 

Corriere dello Sport.it - Calcio

Corriere dello Sport.it - Serie A

Corriere dello Sport.it -